Vedi Video
0 votes
0
197
Falo di San Giuseppe Erchie 19 marzo 2016
19 marzo, Festa di San Giuseppe a Erchie. In questo giorno si imbandisce una tavolata, "la mattra", costituita per lo più da piatti (nove o tredici) tipici ercolani: "tria" (tagliatelle) condita con olio fritto e pane grattugiato, tria con miele, "ampasciuni" (mascari) fritti ed al sugo, baccalà e pesce fritto, cavolfiori fritti.

Questa manifestazione, che attualmente riveste un carattere votivo, era la normale dieta dei progenitori. Caratteristica saliente di questo giorno è quella di offrire ai convenuti, in segno di pace, "l'uccellino"; il piatto in questione è fatto semplicemente con farina ed acqua, senza lievito e, nei giorni in cui stava per abbattersi sul paese un temporale, era usanza sbriciolarlo e distribuirlo ai quattro venti, per allontanare l'evento calamitoso.
Nel dialetto locale, la parola MATTRA indica una specie di cassa di legno di forma rettangolare dove si impasta la farina per preparare il pane. Nella festa essa diviene simbolo di prosperità ed abbondanza.

Il giorno di S. Giuseppe le mattre vengono disposte in piazza e lungo le strade che circondano il Santuario di Santa Lucia, dove si custodisce la statua del Santo. Su di esse vengono disposte le diverse pietanze, in numero di nove secondo alcuni e in numero di tredici a parere di altri. Un tempo il pranzo veniva offerto, per devozione al Santo, dai benestanti del paese e consumato dai più poveri; oggi vi provvedono centinaia di devoti e volontari che hanno a cuore il perpetrarsi della tradizione.
Nella Mattra, secondo la più antica tradizione, fanno bella mostra i cibi di S.Giuseppe che era "spilusu" e, quindi, accettava di buon grado offerte varie e di sapore diverso. Il piatto fondamentale è la TRIA; sempre della tradizione sono le fritture di pesce, cavolfiori, "ampasciuni" e baccalà. La pasta col miele, infine, per lo più bucatini, chiude l'elenco dei piatti tipici e, probabilmente, sostituiva i dolci (zeppole) e la frutta, rigorosamente secca: noci, mandorle , noccioline.

A mezzogiorno in punto, la statua di S. Giuseppe esce in processione preceduta dai "fratelli" dell'Arciconfraternita dell'Immacolata e dal parroco che provvede, durante il percorso, a benedire, una alla volta, le diverse mattre. Al termine della processione, uno o più spari segnano l'inizio del pranzo. Oggi l'assalto alle mattre avviene in forme civili; nei tempi passati, invece, bisognava conquistarsi lo spazio necessario a gomitate.
Commenti
Ordina per: 
Per pagina:
 
  • Non sono ancora presenti commenti
Informazioni Video
Data
20.03.2016 (914 giorni fa)
Categoria
Incorpora
Azioni
Raccomanda
Video di Questo Album